Articolo pubblicato su Olympian's News numero 58.
©2004 by Think Muscle, all right reserved

Torna all'elenco degli articoli torna agli articoli

Endocrinologia controcorrente
il testosterone per le donne

dei dottori Karlis Ullis e Josh Shackman

In questa serie di articoli cercherò di fare chiarezza su due miti comuni dell'endocrinologia. Il primo mito è la nozione dell'esclusività degli ormoni sessuali "maschili" e "femminili". Anche se è vero che rispetto alle donne gli uomini hanno concentrazioni più alte di testosterone e concentrazioni più basse di estrogeni e progesterone, tutti questi ormoni sessuali ricoprono ruoli vitali in entrambi i sessi. Il secondo mito di cui parlerò è la nozione di ormoni "buoni" e ormoni "cattivi". Alcuni ormoni come il DHT e il testosterone sono stati demonizzati e accusati per ogni tipo di problema di salute ma la verità è che ogni ormone ricopre un ruolo equilibrante vitale nel corpo. Invece di essere etichettato come "buono" o "cattivo", ogni ormone ha un suo livello di equilibrio ottimale nel corpo in confronto agli altri ormoni sessuali. I problemi di salute si verificano quando gli ormoni sessuali sono fuori equilibrio, fuori dalle percentuali appropriate, non a causa di un solo ormone "cattivo".

Il testosterone è largamente conosciuto come l'ormone maschile, eppure la società lo ha così demonizzato che anche il suo uso medico negli uomini è diventato da molti anni un tabù sociale. Tuttavia, adesso non solo la terapia sostitutiva del testosterone sta guadagnando rispetto per l'uso negli uomini ma anche sempre più medici stanno prescrivendo il testosterone alle donne. In questo articolo sottolineerò i benefici dell'uso del testosterone nelle donne per migliorare la libido, l'umore, l'energia, la salute della pelle e, cosa più importante per i lettori, la composizione corporea.

Testosterone e composizione corporea femminile

Una donna di quasi 30 anni è venuta da me per lamentarsi della sua difficoltà a perdere peso. Dopo aver fatto il quadro clinico, era molto difficile dire qual era la causa del suo problema. Si allenava tutti i giorni, equilibrando fra attività aerobica e allenamento con i pesi sotto la guida di un allenatore personale qualificato. Seguiva una dieta base povera di carboidrati e ricca di proteine. Aveva anche assunto un'associazione termogena caffeina/efedrina e precedentemente aveva anche sperimentato con alcuni farmaci dimagranti. C'era chiaramente qualcosa che non andava. Ho ordinato gli esami del sangue per controllare tutti i suoi livelli ormonali. Tutti i suoi livelli ormonali erano normali, fatta eccezione per, indovinate un po', il testosterone! Aveva un livello di testosterone molto basso, pari a quello osservato nelle donne postmenopausali. Questa era un'ovvia origine del suo problema con la perdita di grasso.

Mentre il ruolo del testosterone per conservare la massa muscolare e perdere il grasso corporeo può essere ovvio per i bodybuilder e gli atleti, nella comunità medica è una verità ormonale spesso assente. È noto che molte donne cominciano a guadagnare grasso rapidamente 10-15 anni prima della menopausa e anche dopo. Raramente si collega la produzione bassa/assente di testosterone e il deterioramento di una composizione corporea salubre. Spesso, come terapia sostitutiva ormonale, alle donne sono somministrati solo gli estrogeni e le progestine e non il testosterone. Nell'esercitazione della mia professione di medico ho scoperto che dare alle donne gli estrogeni e il progesterone e non il testosterone le rende praticamente incapaci di perdere peso/grasso. Visto il flagello dell'aumento dell'obesità negli USA, ci si aspetterebbe che la comunità medica faccia più attenzione a questi problemi. Eppure la connessione fra gli ormoni sessuali e la composizione corporea è molto controversa.

Perché è così controversa? Perché un ormone usato comunemente dagli allevatori per ingrassare il bestiame è somministrato alle donne postmenopausali a rischio di obesità? Molti medici indicano uno studio recente che mostra che le donne postmenopausali che hanno ricevuto gli estrogeni hanno guadagnato meno peso rispetto a quelle che non li hanno ricevuti (Espeland et ali, 1997). In questo studio, 875 donne hanno assunto per tre anni o 0,625 mg di estrogeni orali al giorno o un placebo. Questo significa che in realtà gli estrogeni sono un buon agente brucia grassi? Difficile! In questo studio, nonostante la pubblicità che ha ricevuto, gli autori affermano che quando si tengono sotto controllo i fattori dello stile di vita come l'attività fisica, gli effetti della terapia sostitutiva degli estrogeni sono stati insignificanti.

Non solo il testosterone aiuta a mobilitare il grasso
corporeo e a impedire alcuni degli effetti di deposito del
grasso dovuti agli estrogeni ma è anche estremamente
efficace per la costruzione della massa magra nelle
donne, anche in dosi piccole.

In base alla mia esperienza medica ho scoperto che, in media, quando una donna giovane comincia a usare la pillola anticoncezionale può aspettarsi un aumento di 1,3-2,3 kg della massa grassa e al momento della menopausa si può prevedere un incremento di 1,8-3,6 kg della massa grassa, in particolare quando si usano gli estrogeni orali. Uno studio recente controllato ha mostrato che gli estrogeni orali hanno causato un incremento della massa grassa e della perdita di massa muscolare, insieme a una riduzione dei livelli di IGF-1 (O'Sullivan et ali, 1998). Questo studio concorda con le mie osservazioni cliniche.

Allora perché il testosterone non è somministrato più spesso alle donne che vogliono perdere peso? La comunità medica crede che il testosterone causi l'obesità. Ciò è dovuto a una serie di studi che collegano l'obesità fra le donne nella parte superiore del corpo e addominale ai livelli alti di testosterone. Ripeto, è un caso di accusa a un ormone considerato "cattivo". In queste donne i livelli di testosterone sono effettivamente più alti del normale ma è il loro intero sistema ormonale a essere fuori equilibrio. Non solo hanno livelli di testosterone alti ma sono anche poco sensibili all'insulina e hanno livelli di insulina alti. Spesso queste donne hanno un problema metabolico di resistenza all'insulina, ciò è associato all'obesità. Non ci sono prove vere del fatto che nelle donne la terapia sostitutiva del testosterone si traduca in un aumento del grasso corporeo, anzi, è vero il contrario.

A causa della campagna sociale contro il testosterone e gli steroidi anabolizzanti in generale, è già difficile trovare uno studio approvato sull'uso del testosterone negli uomini. Immaginate quanto è difficile che un comitato che si accupa di esaminare studi per l'uso sull'uomo approvi uno studio sull'uso del testosterone nelle donne! Comunque, c'è uno studio che ha aiutato a illuminare il potenziale degli androgeni per aiutare le donne a perdere grasso. Nel 1996, Lovejoy et ali hanno confrontato gli effetti del nandrolone decanoato e del farmaco antiandrogeno spironolattone sulla composizione corporea nelle donne obese postmenopausali. La dose data al gruppo nandrolone era bassa: 30 mg ogni due settimane. Tutte le donne dello studio hanno seguito una dieta con calorie ridotte (500 calorie al di sotto del mantenimento della massa magra) senza modificare le loro abitudini fisiche. Dopo nove mesi le donne che ricevevano il nandrolone hanno perso in media il 3,6% del loro grasso corporeo mentre il gruppo placebo ha perso solo l'1,8% e il gruppo dello spironolattone (un antiandrogeno) ha perso solo lo 0,5%. Il nandrolone ha raddoppiato il tasso di riduzione del grasso in confronto al placebo e il gruppo antiandrogeno non ha praticamente perso grasso: il ruolo degli androgeni nella perdita di grasso è chiaramente dimostrato. Cosa ancora più sorprendente, nonostante la restrizione calorica il gruppo del nandrolone ha addirittura guadagnato in media 1,8 kg di massa magra, mentre i gruppi placebo e antiandrogeno hanno perso oltre 1 kg di massa magra. Inoltre, il nandrolone non ha prodotto resistenza all'insulina, cosa che precedentemente gli androgeni erano considerati fare.

Il gruppo di Lovejoy è rimasto sorpreso dalla capacità del nandrolone di aumentare la massa muscolare nonostante la complessiva perdita di peso. Ricordatevi che la dose era piuttosto piccola e somministrata solo ogni due settimane e che queste donne seguivano solo una dieta con calorie ridotte senza svolgere un programma di allenamento con i pesi. Immaginatevi il miglioramento della composizione corporea che si sarebbe verificato se queste donne avessero seguito un programma di attività fisica bilanciato e oltre al nandrolone avessero seguito una dieta ricca di proteine!

Nonostante il risultato positivo, gli autori mettono in guardia contro l'uso del nandrolone decanoato come terapia per perdere peso. Nel gruppo del nandrolone si è verificata una leggera anormalità dei lipidi ematici e un leggero incremento del grasso addominale. Anche se questi effetti collaterali sono stati contenuti, credo che se in questo studio fosse stato usato il testosterone invece del nandrolone, questi effetti collaterali sarebbero stati più bassi o inesistenti. Credo anche che l'uso quotidiano del testosterone in gel sarebbe più efficace di una dose 3 volte al mese perché il gel terrebbe il testosterone a un livello più fisiologico e costante mentre le iniezioni creano enormi fluttuazioni in alto e in basso.

Secondo me è chiaro, in base sia alle mie esperienze chimiche sia alle ricerche, che il testosterone è vitale per la conservazione della massa magra e la prevenzione dell'obesità da parte delle donne. Non solo il testosterone aiuta a mobilitare il grasso corporeo e a impedire alcuni degli effetti di deposito del grasso dovuti agli estrogeni ma è anche estremamente efficace per la costruzione della massa magra nelle donne, anche in dosi piccole. La terapia sostitutiva ormonale che prevede solo gli estrogeni e il progesterone, ma esclude il testosterone, è la rovina del programma per la perdita del grasso di molte donne. Questo non riguarda solo le donne postmenopausali. Le donne giovani dovrebbero pensarci due volte prima di usare la pillola anticoncezionale. La pillola anticoncezionale aumenta i livelli di estrogeni e di progesterone riducendo drasticamente i livelli di testosterone. Ecco perché con l'uso della pillola anticoncezionale molte donne sperimentano un grosso aumento del grasso corporeo e la riduzione della libido.

Energia, umore e libido

Ben lontano dall'essere la causa dell'irritabilità e della "rabbia da steroidi", come creduto comunemente, ho scoperto che nelle donne riportare il testosterone a livelli normali può migliorare enormemente i livelli energetici e l'umore. A volte gli estrogeni sono considerati ergogeni ma la maggior parte delle donne non trae dagli estrogeni un effetto molto energetico. Il progesterone naturale può avere un effetto calmante e rilassante sulle donne ma le progestine sintetiche e potenti come il Provera (medrossiprogesterone acetato) o il più potente nornoretindrone, possono in realtà causare irritabilità, aggressività e anche acne.

L'uso del testosterone nelle donne per la libido sta cominciando a guadagnare un'accettazione più ampia. Una compagnia farmaceutica (Unimed) è vicina a produrre un testosterone in gel per le donne approvato per l'uso come farmaco per l'aumento della libido. Anche se il pensiero di donne postmenopausali arrapate può farvi ridere, io credo che la libido sia un problema medico serio. Lo scandaloso studio sulla disfunzione sessuale finanziato dalla Fondazione Ford e dallo U.S. National Institute of Health ha mostrato che il poco interesse nel sesso era la causa numero uno della disfunzione sessuale nelle donne (Laumann et ali, 1999, JAMA, Feb., 10, 199, Vol. 281, n° 6, pp. 537-544). Ripristinare una sana libido nelle donne può aiutare a riportare un po' di piccante nei matrimoni e nelle relazioni, ad alleviare lo stress e la depressione e anche a migliorare la composizione corporea attraverso l'aumento dell'interesse e dell'attività sessuale. Il testosterone è l'ormone primordiale per costruire un corpo attraente e una vita sessuale migliore.

Testosterone e pelle

Avete la pelle secca e sottile? Può essere un segno di scarsa produzione di olio da parte delle ghiandole sottocutanee. La mancanza di produzione di olio può essere legata a una riduzione del testosterone. Anche l'assottigliamento, l'atrofia o l'infiammazione dell'accesso vaginale può essere dovuto a uno squilibrio ormonale. Il coito doloroso può essere dovuto a una mancanza di estrogeni e di testosterone. Ho curato donne giovani e meno giovani con creme al testosterone per ispessire il loro accesso vaginale affinché potessero godere del sesso senza sentire male. Usando dosi piccole e bilanciate di T in gel e crema ho migliorato la qualità della pelle invecchiata senza effetti collaterali tipo acne, perdita dei capelli o effetti mascolinizzanti.

Spesso il ruolo del testosterone sulla salute della pelle è ignorato, anche se dovrebbe essere di ovvio interesse per chiunque usa il testosterone per migliorare l'aspetto fisico complessivo. Normalmente si pensa che il testosterone possa solo peggiorare la pelle causando eruzioni cutanee. Comunque, anche la mancanza di testosterone può solo peggiorare la situazione della pelle. Riportare il testosterone a livelli normali può rendere la pelle molto più forte e liscia di prima.

Protocolli per la terapia sostitutiva ormonale nelle donne

Molte donne vengono nel mio studio lamentandosi della mancanza di energia, di spinta sessuale e dell'aumento del peso. Sono state da altri medici che hanno detto che si tratta di effetti inevitabili dell'invecchiamento e che dovrebbero semplicemente imparare a convivere con essi. Tuttavia, ho scoperto che somministrare a queste donne un "trasformatore ormonale" può avere degli effetti profondi sulla loro vita. Con le donne postmenopausali comincio somministrando una piccola dose "di partenza" di testosterone in gel o in crema (solitamente 0,25-1 mg ogni due giorni al mattino applicati, per ragioni di assorbimento, in zone nascoste non esposte al sole nell'area del collo dietro la mascella oppure sotto l'ascella). La dose cambia nel corso del tempo.

Poi posso modificare il loro precedente programma di sostituzione ormonale. Se stanno assumendo il Provera, le faccio passare immediatamente al progesterone naturale che considero molto più sicuro. La maggior parte delle donne postmenopausali usa il Premarin, una strana miscela di estrogeni derivata dall'urina delle cavalle incinta. Riduco la dose di estrogeni passando a una formula biestrogena naturale o a una formula transdermica composta di estradiolo naturale. Questo cambiamento è significativo, in quanto uno studio ha mostrato che nelle donne postmenopausali il Premarin causava l'incremento della massa grassa e la riduzione della massa muscolare mentre l'estradiolo transdermico non aveva effetti significativi sulla composizione corporea (O'Sullivan, 1998). Inoltre, incoraggio le donne ad aumentare la loro assunzione di fibre e di fitoestrogeni assumendo una formula contenente cohosh nero più altre piante con effetti tipo estrogeni. I prodotti a base di soia sono obbligatori.

L'obiettivo di questo programma è ripristinare nelle donne l'equilibrio ottimale di ormoni sessuali simile a quello che avevano da giovani. È possibile ripristinare i livelli di testosterone e a volte di progesterone attraverso la terapia sostitutiva ormonale naturale. È possibile ottenere livelli di estrogeni sicuri e bilanciati attraverso la combinazione della produzione di estrogeni data dall'aromatizzazione del testosterone, dei fitoestrogeni come la soia, il cohosh nero e di una piccola dose di estrogeni naturali. Una volta ristabilito questo equilibrio naturale, spesso le donne riescono a superare i plateau di riduzione del peso precedentemente raggiunti e possono invertire la perdita di massa muscolare e ossea che si verifica con l'età.

Credo che nel prossimo futuro la
terapia sostitutiva del testosterone
influenzerà molto di più la vita delle
donne. Infatti, la terapia sostitutiva
del testosterone potrebbe diventare
a breve più utilizzata dalle
donne che dagli uomini.

Con le donne più giovani esito maggiormente a somministrare terapie ormonali, specialmente se un giorno vogliono avere dei bambini. Questo non significa che le donne premenopausali non possano trarre benefici dall'avere livelli di testosterone più alti. Sto usando il proormone 4-androstenediolo (4-adiolo) in donne selezionate che non vogliono avere bambini. Il 4-adiolo ha un alto tasso di conversione in testosterone e non si converte direttamente in estrogeni. Dato che l'effetto del 4-adiolo è breve, credo che, in modo infrequente, possa essere usato con sicurezza nelle donne senza causare molti effetti collaterali e senza annullare la produzione di gonadotropine della pituitaria. L'unico problema è che la maggior parte dei prodotti contenenti 4-adiolo sono fatti per gli uomini, in dosi di 100 mg mentre per le donne le dosi dovrebbero essere di 10-50 mg. Sono adesso disponibili pasticche contenenti 12,5 mg di 4-adiolo sotto forma di ciclodestrina sublinguale. Per aumentare i loro livelli di T le donne potrebbero assumere 1/4 o 1/3 di pasticca in modo intermittente.

Conclusione

Anche se i tradizionali ormoni "femminili" progesterone ed estrogeni possono ricoprire un ruolo nella prevenzione della cardiopatia, dell'Alzheimer e dell'osteoporosi, credo che nel prossimo futuro la terapia sostitutiva del testosterone influenzerà molto di più la vita delle donne. Infatti, la terapia sostitutiva del testosterone potrebbe diventare a breve più utilizzata dalle donne che dagli uomini.

Credo anche che il testosterone e altri androgeni possano ricoprire un ruolo fondamentale nella cura di alcuni tipi di obesità femminile, come il tipo dovuto agli estrogeni. Sono state eseguite poche ricerche preziose in questo settore controverso ma è ovvio che uno dei motivi principali per cui le donne hanno più difficoltà a perdere grasso rispetto agli uomini è il loro livello più basso di testosterone. Dato che il testosterone può aiutare non solo a mobilitare il grasso ma anche a costruire massa muscolare, aumentando il testosterone le donne possono aumentare il ritmo metabolico a riposo. Ciò è in forte contrasto con la maggior parte dei farmaci dimagranti che causano perdita muscolare e solitamente il ritorno del grasso corporeo perso una volta cessato l'uso del farmaco. Gli androgeni produrranno sicuramente degli effetti collaterali nelle donne, da qui la controversia, ma questi effetti collaterali sono probabilmente inferiori agli effetti spesso mortali del fen-fen e di altri farmaci dimagranti. Probabilmente il testosterone è una cura per l'obesità molto più sicura e più efficace nel lungo termine della liposuzione. Spero veramente che siano svolte altre ricerche in questo settore perché credo che gli androgeni siano fondamentali nella guerra contro la piaga in rapida crescita dell'obesità in questo paese.

Spero che il sistema medico riesca presto a staccarsi dal concetto del modello vecchio e antiquato che gli ormoni maschili sono solo per gli uomini e gli ormoni femminili sono solo per le donne per giungere a un concetto universale di equilibrio ormonale ottimale di tutti gli ormoni sessuali in entrambi i sessi. Spero veramente di vedere più studi sulla terapia sostitutiva ormonale quando il testosterone sarà maggiormente accettato.

Riferimenti
Espeland MA, et al. , Effect of postmenopausal hormone therapy on body weight and waist and hip girths., J Clin Endocrinol Metab. 1997 May;82(5):1549-56.
Kaye SA, et al, Associations of body mass and fat distribution with sex hormone concentrations in postmenopausal women., J Epidemiol 1991 Mar;20(1):151-6
Laumann EO, et al, Sexual dysfunction in the United States: prevalence and predictors., JAMA 1999 Feb 10;281(6):537-44
Lovejoy, et al, Exogenous androgens influence body composition and regional body fat distribution in obese postmenopausal women-a clinical research center study, J Clin Endocrinol Metab. 1996 Jun;81(6):2198-203
O'Sullivan AJ, et al.,The route of estrogen replacement therapy confers divergent effects on substrate oxidation and body composition in postmenopausal women. , J Clin Invest. 1998 Sep 1;102(5):1035-40.
Pasquali R, et al., The relative contribution of androgens and insulin in determining abdominal body fat distribution in premenopausal women., J Endocrinol Invest. 1991 Nov;14(10):839-46.
Stoll BA, Perimenopausal weight gain and progression of breast cancer precursors., Cancer Detect Prev 1999;23(1):31-6
Ullis,Karlis and Ptacek, Greg, Age Right, New York: Simon and Schuster,1999
Ullis, Karlis, Ptacek, Greg, and Shackman, Joshua, Super "T", New York: Fireside Books a division of Simon and Schuster. 1999
Yoo KY, et al, Female sex hormones and body mass in adolescent and postmenopausal Korean women., Korean Med Sci 1998 Jun;13(3):241-6.

Attenzione: questi articoli sono disponibili in chiaro grazie alla rivista Olympian's News che viene venduta regolarmente nelle migliori edicole. Per tale motivo vi consigliamo di comprare regolarmente la rivista in edicola oppure di abbonarvi. Solo in questo modo farete in modo che la Vostra rivista preferita continui a fornirvi le informazioni che desiderate, sempre più attuali e interessanti.
L'editore di Olympian's News Sandro Ciccarelli

vai all'inizio dell'articolo
Torna all'elenco degli articoli torna agli articoli

© Olympian's news 1989 - 2014 all right reserved.
Nessuna parte di questa pubblicazione potrà essere riprodotta senza l'autorizzazione scritta dell'editore.